L’ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA: WELLNESS CON GUSTO

la dieta del golfista

L’alimentazione del golfista: cucina sana e bilanciata…con gusto.

Essendo uno sport vero e proprio il golf presuppone – per chi vi si accosta – l’attenzione alla salute e al benessere fisico, che si esplica conseguentemente anche nell’interesse verso l’alimentazione e un tipo di cucina sana e bilanciata. Parleremo oggi dell’alimentazione del golfista.

Gli obiettivi della dieta del golfista – ed ancor di più per chi lo vive da professionista – si possono riassumere nella necessità di raggiungere e/o mantenere un peso corporeo ideale, nella resistenza fisica lungo tutta la durata della gara, al fine di prevenire un eccessivo stress psico-metabolico, e nella capacità di un recupero ottimale post gara, per ripristinare l’equilibrio metabolico ed evitare uno sproporzionato affaticamento nei giorni successivi.

Questi obiettivi si devono tradurre in una alimentazione caratterizzata da apporti bilanciati di macronutrienti (proteine, lipidi, carboidrati) e micronutrienti (minerali, oligoelementi, vitamine, antiossidanti…), quote energetiche adeguate e dalla regolare assunzione di acqua in grado di fornire un costante livello di idratazione.

L’alimentazione del golfista al Riviera Golf

Presso il Riviera Golf il personale è costantemente teso alla riflessione nell’ambito dell’alimentazione più adatta ai golfisti che frequentano il campo, al fine di mettere a punto una dieta del golfista ragionata e appositamente pensata per chi pratica questo sport.

Tutto ciò nasce all’interno del Wellness Restaurant, fiore all’occhiello della ristorazione legata al mondo del golf, ma altresì dedicato a chiunque abbia a cuore un tipo di alimentazione “ragionata” e calibrata. La sala da 150 posti si affacciata sulla splendida piscina che al tramonto si tinge di rosa e regala magiche atmosfere, ed è diretta dal preparatissimo chef Massimliano Poletti.

chef poletti menu del golfista

L’alimentazione del golfista al Riviera Wellness Restaurant con Massimiliano Poletti.

Poletti inizia il suo percorso professionale negli alberghi della costa romagnola, per poi lasciare il Paese alla ricerca di nuove esperienze, giungendo così al prestigioso Savoy Hotel di Londra ed al ristorante Valentino di Santa Monica. Dopo aver altresì lavorato presso La Grotta di Nerio Raccagni e La Frasca di Gianfranco Bolognesi – locali stellati della Romagna – nel 2000 arriva a Parigi per collaborare con il famoso chef Alain Ducasse che gli insegnerà il rispetto per la materia prima e che nel 2005 lo sceglierà come responsabile della gestione della cucina in occasione dell’apertura del suo ristorante in Toscana.

Nel 2006 Poletti, dopo aver trascorso circa venti anni all’estero, ritorna alle origini romagnole e lavora presso Palazzo Guidi, per poi approdare felicemente al Riviera Golf, dove gestisce il ristorante e mette in pratica la sua idea di cucina “wellness”.

alimentazione del golfista

Convinto che “un ristorante sia molto di più di un luogo dove si mangia” e deciso a proporre una cucina in grado di recuperare le giuste abitudini nell’alimentazione, lo chef Poletti ha creato, insieme ad un team di nutrizionisti e di esperti di alimentazione sportiva, un menù che, valorizzando le materie prime del nostro territorio, propone una cucina bilanciata senza però dimenticare il gusto: lontano dai ristoranti che mirano “solo” al mangiar sano lasciando però poco spazio al gusto, e distante altresì dai ristoranti tipici e più classici che offrono cibo appagante ma decisamente poco in linea con il benessere, la cucina di Poletti permette, attraverso piatti funzionali “a chi ama vivere bene”, di godere di un’esperienza capace di coniugare piacere e salute.

L’alimentazione del Golfista in due differenti menu’

Il menù che propone il Wellness Restaurant è articolato in due differenti proposte: da un lato troviamo una tipologia di piatti che hanno come obiettivo l’espressione di una cucina sana e bilanciata (ogni piatto è abbinato ad una tabella nutrizionale che ne esplica le proprietà e le caratteristiche alimentari); dall’altro la carta suggerisce una serie di proposte più nella direzione del gusto e della “rivisitata classicità”, senza ovviamente dimenticare l’attenzione alla qualità ed alle materie prime, sovente biologiche.

Il menù offre anche la possibilità di gustare quello che Poletti ha chiamato “il menù del golfista”, una serie di piatti pensati appositamente per chi pratica il golf ed ha bisogno di un preciso apporto calorico, ma che non vuole dimenticare la piacevolezza della buona cucina.

Una cucina wellness…con gusto.

PRENOTA il tuo tavolo SUBITO → 0541. 956499

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *