Il Riviera Golf secondo circolo in Italia A1 2021

La squadra diretta da Mauro Bianco ha ceduto solo alla 19ma buca dei play off !

 

7-11 settembre 2021

Quella appena passata è stata una settimana ricca di emozioni e di spettacolo per il golf italiano. Sul percorso del Circolo Golf Torino La Mandria si è disputato, infatti, il Campionato Nazionale Assoluto a Squadre Maschile Serie A1.

Il titolo tricolore è stato conquistato dal circolo Parco di Roma che, al termine di un confronto al cardiopalma, ha battuto il circolo Riviera Golf di San Giovanni In Marignano, in provincia di Rimini. Il successo dei capitolini è avvenuto al termine di una sfida che rimarrà negli annali. Non sono bastati infatti i previsti 7 incontri match play a decretare il successo finale.

 

Per il circolo Riviera Golf la medaglia d’argento è il premio di un percorso duro e impegnativo che ha portato i riminesi a classificarsi al sesto posto, su otto disponibili, al termine delle due giornate di qualificazione. Nel torneo finale la squadra del Riviera Golf ha battuto la squadra del Castello di Tolcinasco per 5-2. In semifinale il Riviera Golf ha affrontato la temutissima squadra del Modena Golf che in passato ha vinto per ben 4 volte il titolo tricolore. Anche in questo match il Riviera Golf si è imposto con lo stesso punteggio: 5-2, risultato che ha consentito ai riminesi di accedere alla finale contro il Parco di Roma.

 

Il match con i romani è stato equilibratissimo tanto che si è concluso in parità dopo i sette incontri  in programma. Per l’assegnazione del titolo tricolore si è dovuto far ricorso, dunque, ai play off.

La 19a buca ha premiato la squadra del Parco di Roma.

 

Enorme la soddisfazione degli sportivi in tutta la provincia di Rimini: “La medaglia d’argento rappresenta una grande conquista per il Riviera golf che crede fortemente nell’attività agonistica dei giovani e ha un grande valore per il prestigio mai raggiunto nella storia del Circolo – dichiara Michele Bosco, Golf Manager del Riviera Golf e Capitano giocatore della squadra – Un immenso grazie, per questo sogno realizzato, ai giocatori anima di questa squadra, Nicholas Capitanio, Diego Emanuele Danzi, Lorenzo Santinelli e Giovanni Siani. Un ringraziamento particolare e tanto merito al coach Mauro Bianco”.

 

Il torneo, tornato in calendario dopo un anno di stop causa pandemia, ha visto la partecipazione dei migliori 18 Circoli italiani.

 

Rimini, 13 settembre 2021

 

Un’altra giovane campionessa, un’altra ragazza determinata a vincere, un’altra rappresentante della passione femminile per il mondo del golf.

E’ Diletta Facchini, la quindicenne fiorentina che da quest’anno farà parte della squadra agonistica femminile del Riviera Golf, formata da tre ragazze decise a gareggiare passo dopo passo con grinta per portare alta l’egida del campo marignanese, obiettivo dopo obiettivo.

La squadra agonistica femminile – fortemente voluta dal Golf Manager Michele Bosco, golfista esperto e profondo conoscitore delle dinamiche del green – sarà seguita da Mauro Bianco e dagli altri maestri della accademia che da quest’anno sarà a disposizione dei golfisti sul fairway del Riviera Golf e darà l’opportunità di seguire tanti corsi diversificati e declinati differentemente, per seguire l’avvicinamento al golf o il perfezionamento della tecnica di gioco.

Diletta Facchini sarà allenata dai maestri e seguirà, insieme a Giorgia Piccini e Isabella Antonelli, un percorso fatto di impegno, determinazione e un calendario ricco di sfide che porteranno la squadra agonistica femminile del Riviera Golf a confrontarsi con tante altre giovani appassionate giocatrici, su diversi campi nazionali.

 

La giovanissima giocatrice è la dimostrazione dell’alta inclusività e della ampia trasversalità del golf, che può essere praticato fin dalla più tenera età, come ci racconta la stessa Diletta, che ha iniziato a giocare addirittura all’età di circa 5 anni, muovendosi sul fairway insieme alla sua famiglia, che l’ha sempre incoraggiata e sostenuta.

Diletta ormai può essere considerata una giocatrice esperta e dalle grandi abilità e – riguardo alla pratica golfistica – afferma che “il golf è attualmente uno sport praticabile da tutti e sicuramente non più costoso di altri, una pratica che mi affascina profondamente perché giorno dopo giorno mi regala la possibilità di mettermi alla prova sul piano fisico e mentale,  e l’occasione di raggiungere risultati individualmente, misurandomi con me stessa, la mia forza di volontà, superando paure e sfide”.

 

Sono ormai numerose le gare cui Diletta Facchini ha già partecipato in passato, ma, come ogni sportiva e come le sue compagne della squadra agonistica femminile del Riviera Golf, nel suo cuore riserva certamente un posto speciale ad una competizione in particolare, la “Quercia d’oro”.

La gara, disputata lo scorso anno, ha segnato profondamente il ricordo della agguerrita quindicenne, perché, dopo aver chiuso il primo giorno in testa, Diletta sostiene di aver dovuto lottare con particolare grinta “per portare a casa un secondo posto su un campo sicuramente non dei più facili. L’ultimo giorno in particolare è stato molto impegnativo ma allo stesso tempo davvero emozionante, perché ho lottato insieme al mio caddy, il mio babbo, e siamo riusciti a portare a casa il massimo.”.

Davvero un ottimo risultato quindi, e profondamente significativo se si aggiunge il fatto che a seguirla come caddy c’era proprio un fan d’eccezione, quello più importante di tutti, il padre, pronto a sostenerla colpo dopo colpo con tutto l’amore possibile.

 

Quando le chiediamo di raccontarci le emozioni e le sensazioni provate sul green del Riviera Golf, ove si allena da quest’anno nell’ambito della squadra agonistica femminile, Diletta sottolinea che “la bellissima opportunità di entrare a far parte del team agonistico è stata resa possibile dalla conoscenza con l’amica –  e in seguito compagna di squadra – Giorgia Piccini e con Massimiliano Tanfi, che accompagna il nostro gruppo in occasione delle trasferte e delle diverse gare”.

E’ sorta così l’occasione di conoscere meglio il green del Riviera Golf, “location perfetta –  aggiunge Diletta – per migliorare giorno dopo giorno e realtà capace di creare un ottimo programma per gli agonisti e i golfisti più appassionati”.

La giovanissima golfista ha potuto così entrare a far parte della squadra agonistica femminile, “un team composto da valide giocatrici, con le quali ho instaurato un ottimo rapporto: amiche preziose “conosciute in modo sempre più approfondito durante le tante gare che ci hanno permesso di dare vita ad un ottimo feeling, fondamentale per dare il massimo all’interno della nostra squadra in rosa, la squadra agonistica femminile del Riviera Golf”.

 

Il 2018 si preannuncia così un anno davvero intenso e ricco di stimoli per la quindicenne fiorentina, determinata a “migliorare nel gioco, sperando di ottenere buoni risultati per inseguire il sogno nel cassetto e fare tante proficue esperienze nelle maggiori manifestazioni previste in calendario”.

 

E noi siamo certi che il Riviera Golf e la sua squadra agonistica femminile saranno l’occasione perfetta per Diletta – giovane con la testa piena di sogni e la grinta di una campionessa – e per i tanti appassionati e neofiti che decideranno di permettere alla loro passione di guidarli in un percorso ricco di divertimento, energia e … uno sport capace di affascinare, colpo dopo colpo.

 

 

Riviera Golf: lo sport è solo l’inizio.

 

Continua il nostro viaggio in un mondo fatto di determinazione, passione e energia femminile: stiamo parlando della squadra agonistica femminile del Riviera Golf, formata – dietro l’impulso fornito dal Golf Manager Michele Bosco – da tre ragazze pronte a conquistare un obbiettivo dietro l’altro.

La squadra agonistica femminile sarà seguita da Mauro Bianco e dagli altri maestri della omonima accademia che da quest’anno sarà presente sul campo del Riviera Golf per allenare le squadre agonistiche ed occuparsi dei corsi dedicati ai golfisti esperti ma anche ai tanti neofiti che ogni giorno scelgono di accostarsi all’appassionante disciplina golfistica.

Tre giovani golfiste con la testa piena di sogni, la voglia di continue sfide e alle spalle già una serie di brillanti risultati.

Come quelli ottenuti da Isabella Antonelli, diciassettenne perugina determinata e in grado di raggiungere ottime performances per distinguersi nelle tante competizioni in calendario quest’anno sia sul campo del Riviera Golf, sia presso altri circoli ove la squadra agonistica femminile difenderà con orgoglio e passione la bandiera del campo marignanese.

Oggi la incontriamo per porle qualche domanda sul golf e sulla nuova intensa avventura che ha deciso di intraprendere sotto l’egida del Riviera Golf.

 

Sei giovanissima ma già in grado di dimostrare un ottimo controllo di tecnica ed emotività sul campo. Raccontaci di te e della tua passione per il golf.

Ho iniziato a giocare relativamente tardi – a 13 anni – ma se potessi ritornare al passato, inizierei prima!

Il mio incontro con il golf è stato molto strano e particolare.

L’ambito golfistico fa in realtà parte della mia vita da moltissimo tempo: mio padre gioca a golf da molti anni ormai e quando ero piccola ha provato in tutti i modi a farmi avvicinare a questo sport, ma non c’era nulla da fare: non esisteva attività che odiassi di più al mondo. Poi in una rovente giornata dell’agosto 2013 mi sono ritrovata per puro caso in campo pratica, ho impugnato il greep di un ferro 7 e non l’ho più lasciato. Ed ora faccio addirittura parte della squadra agonistica femminile del Riviera Golf!

 

Il golf è uno sport avvincente, tecnico ma altresì capace di far vivere grandi e intense emozioni. Come percepisci questa pratica, come vivi personalmente il green?

 

Credo che il golf sia uno sport unico nel suo genere. Mi affascina la continua lotta interiore che il golfista vive con sé stesso mentre cerca di mandare quella maledetta pallina in buca!

Adoro poi la sensazione che si prova nel colpire la tanto agognata sfera, una emozione che si avvicina a quel godimento assoluto che tutti cercano ma che nessuno alla fine raggiunge.

Il golf mi ha insegnato molto, e in particolare ho compreso che l’unico modo per ottenere dei risultati in questo sport come nella vita quotidiana è lavorare sempre al massimo e non pensare mai di essere arrivati a destinazione, ma soprattutto riuscire a domare quei mostri che ognuno di noi ha dentro, colpo dopo colpo, passo dopo passo.

 

La pratica golfista – va sottolineato – risente poi spesso di stereotipi, legati ad un passato attualmente lontano e superato: alcuni lo percepiscono come una attività appannaggio di solo un determinato e preciso target in termini di età, sesso, appartenenza sociale, uno sport per persone mature, preferibilmente appartenenti al genere maschile, o addirittura una pratica lontana dal poter essere considerata a tutti gli effetti come uno sport.

Niente di più falso e lontano dalla realtà, ma comprensibile se si pensa che nel nostro Paese – a differenza di altri Stati – non esiste ancora una cultura del golf, coerente e strutturata: le persone spesso non conoscono realmente questo sport e non sanno cosa significhi praticarlo.

Mi auguro che le cose cambino presto e questa possibilità di rinnovamento del punto di vista comune dipende largamente dal mondo giovanile, in particolare da noi ragazze: noi golfiste abbiamo la possibilità di dimostrare quanto il golf possa essere inclusivo e trasversale, praticabile da un target davvero molto vario e composito.

E la squadra agonistica femminile del Riviera Golf rientra certamente in questo iter di progresso.

Hai ormai all’attivo numerose vittorie e tantissime gare che ti sono servite per misurarti sul campo e migliorare, sfida dopo sfida. C’è una competizione che ti ha maggiormente lasciato un segno, nella memoria e nel cuore?

 

Sicuramente è la vittoria nell’ambito della gara nazionale di due giorni giocata al golf club Conero. Durante la prima giornata non avevo ottenuto un risultato particolarmente brillante, ma ero riuscita comunque a portare a casa un discreto risultato, ritrovandomi così terza a cinque colpi dalla prima golfista in classifica.

La sera prima del secondo giro ero molto tesa ma altresì determinata nella volontà di non perdere l’occasione di impegnarmi al massimo.

Quella domenica ho giocato il giro più bello e divertente della mia vita: ho iniziato a recuperare colpi su colpi, ritrovandomi in parità con le altre due ragazze sul tee della sedicesima buca

Ricordo che in quel momento non riuscivo neanche a vedere la direzione esatta per il tee shot, scorgevo solo mio padre, tesissimo.

Alla fine, due par sono bastati per vincere e sono scoppiata a piangere, perché provenivo da un periodo molto difficile in cui mi ero impegnata molto senza riuscire ad ottenere risultati determinati e brillanti.

Quella del Conero è stata una gara cruciale per la mia crescita perché ho dimostrato a me stessa di avere le carte in regola per competere con le altre golfiste e la determinazione necessaria a mantenere la concentrazione fino all’ultimo put della diciottesima buca.

Una esperienza indimenticabile!

Da quest’anno fai parte della squadra agonistica femminile del Riviera Golf. Come è nata la possibilità di fare questa esperienza, così ambita per una giovane golfista, e cosa significa per te entrare in questo team in rosa?

 

Abitando a Perugia non credevo che avrei mai potuto avere un’occasione di questo genere e invece, grazie alla mia compagna di squadra Giorgia Piccini e a Massimiliano Tanfi che ci accompagna durante le competizioni, sono entrata in contatto con il Riviera Golf, innamorandomi dell’ambiente che lo contraddistingue e della professionalità che vi si respira.

Mi sento davvero onorata di poter rappresentare in giro per l’Italia il Riviera Golf Club, circolo che può vantare uno staff accogliente e ben organizzato, location stimolante e attraente per noi golfisti perché caratterizzata da un percorso suggestivo e molto tecnico, ma soprattutto dalla particolare atmosfera che si respira quando si gioca.

È un luogo in cui puoi trovare pace e tranquillità ma allo stesso tempo provare quella tensione agonistica che ti permette di divertirti mentre giochi con i tuoi compagni.

 

Il Golf Manager del Riviera, Michele Bosco, mi ha dato fiducia e attualmente ho la possibilità di competere a livello nazionale con la squadra agonistica femminile, una occasione davvero incredibile e intensa cui ho sempre aspirato: far parte di una bella squadra e poter dare il mio contributo per affermare il nome del nostro circolo in tutta Italia.

 

L’ingresso nella squadra agonistica femminile significa per me lavoro, sacrificio e tanto divertimento.

Sono molto contenta del gruppo che si è formato, ci aiutiamo molto e ci sosteniamo a vicenda anche se a causa della distanza non ho la possibilità di vedere Giorgia e Diletta spesso quanto invece vorrei, ma ci teniamo costantemente in contatto, sostenendoci a vicenda e scambiandoci qualche consiglio tecnico.

Ho la fortuna di aver accanto persone uniche che ci aiutano e ci sostengono giorno dopo giorno, e spero davvero di poter rappresentare al meglio il Riviera Golf, per rendere così orgogliosi tutti i soci del club e pienamente soddisfatte tutte le persone che faranno il tifo per noi.

Credo che il nostro team sarà in grado di ottenere ottimi risultati, perché ognuna di noi ha una caratteristica diversa, capace di interagire proficuamente con le qualità delle compagne, creando così la sinergia perfetta…una macchina da guerra sul faiway!

 

Quali sono i tuoi obiettivi golfistici per il 2018?

Sicuramente da questo sport mi aspetto il massimo, aspiro a competere come professionista con golfiste provenienti da tutto il mondo.

Sono consapevole che sarà un percorso impegnativo e difficile, ma credo anche che con la costanza, la pratica, il sacrificio e la forza di sognare, ciascuno di noi possa arrivare dove vuole.

Per quanto concerne la squadra agonistica femminile del Riviera Golf, so che siamo un team nato recentemente, formato da golfiste che giocano insieme e si conoscono da poco tempo.

Sono conscia che dovremo competere con dei team “storici” e affiatati sul faiway, ma sono certa che la nostra squadra agonistica femminile abbia tutte le capacità per ottenere degli ottimi piazzamenti nelle varie competizioni e perché no… vincere!

Tel. +39 0541 955009
Email info@rivieragolf.it

Riviera Golf: dove lo sport è solo l’inizio.

Una ragazza giovane e decisa. E’ così che appare fin da subito Giorgia Piccini, la sedicenne urbinate (di Mercatello sul Metauro) che da quest’anno – insieme a Diletta Facchini e Isabella Antonelli – farà parte della squadra agonistica femminile del Riviera Golf, composta da tre giovanissime golfiste, pronte a competere sui campi italiani sotto l’egida del nostro campo.

Dopo che la squadra agonistica maschile, già all’attivo da alcuni anni, continua a gareggiare e ottenere risultati assolutamente in linea con le aspettative, il golf Manager del Riviera Golf – Michele Bosco – ha dato vita alla squadra in rosa, assieme a Massimiliano Tanfi che la seguirò dal punto di vista organizzativo (accompagnamenti, spostamenti, hotels).

Le ragazze saranno allenate dai professionisti della “Mauro Bianco Golf Academy” presenti sul campo marignanese, e – avendo già all’attivo numerose competizioni –  saranno coinvolte in tantissime sfide a squadre.

La squadra agonistica femminile del Riviera Golf avrà come obbiettivo quello di tenere alta la bandiera del campo e vivere appieno una passione che ormai è entrata pienamente nell’esistenza delle ragazze che ne fanno parte.

Come Giorgia, che incontriamo oggi per farle qualche domanda sul suo amore per il golf, sulle sfide che la impegneranno durante il 2018 e sulla squadra di cui fa parte, la squadra agonistica femminile del Riviera.

 

Da quanto tempo giochi a golf e come è nata la tua passione per questo sport?

Gioco da circa tre anni, quello corrente è il mio terzo anno di gare.

È iniziato tutto molto casualmente e in modo graduale. Prima di avvicinarmi al golf, praticavo la ginnastica artistica, dalla quale mi sono dovuta allontanare a causa di un problema fisico. Nel frattempo tramite alcune iniziative scolastiche, ho avuto la possibilità di recarmi più volte presso un piccolo campo pratica, dove fin da subito il mio approccio con il golf è stato assai positivo.

In seguito abbiamo partecipato ai giochi sportivi studenteschi di putt regionali e nazionali, e mi sono aggiudicata il primo posto: ed è così nata la mia passione per il golf, uno sport che mi ha conquistata sempre di più, colpo dopo colpo, giorno dopo giorno.

Anche grazie a Massimiliano Tanfi – che mi ha sempre motivata e supportata, e che accompagna me e le mie compagne di squadra in occasione dei trasferimenti e delle gare – il golf è ormai diventato parte integrante della mia vita e sono ormai tante le gare cui ho partecipato e che ricordo con emozione (in particolare
la mia prima vittoria in un Trofeo Giovanile, competizione ricca di adrenalina e tensione, soprattutto nelle ultime buche).

Nel 2018 saranno tante le sfide che mi vedranno gareggiare, sia singolarmente – portando comunque innanzi a me la bandiera del Riviera Golf – sia nell’ambito della squadra agonistica femminile di cui da quest’anno faccio orgogliosamente parte.

Alcuni sostengono che il golf sia uno sport appannaggio di solo un determinato e preciso target in termini di età, sesso, appartenenza sociale. Cosa ne pensi?

Ritengo che non ci sia assolutamente un limite di età: il golf può essere praticato da tutti, tenendo ovviamente presente che le aspettative di un giovane golfista sono diverse da quelle che motivano e caratterizzano una persona più adulta. E’ comunque uno sport dotato di grande trasversalità in termini di anagrafica, un mondo cui ci si può avvicinare a qualsiasi età, divertendosi e praticando all’aria aperta, con tutti i benefici che ne derivano.

Per quanto riguarda il sesso, sono convinta che non ci siano differenze sostanziali tra maschi e femmine, che negli ultimi hanno si stanno anzi avvicinando sempre di più al fairway, ottenendo ottimi risultati…e la squadra femminile del Riviera Golf ne è un ottimo esempio!

Infine, il preconcetto che vede il golf come appannaggio di un target dotato di potere di spesa assai elevato è ormai ampiamente superato: ci sono tante iniziative ed offerte legate a questo sport, cui ci si può avvicinare senza oneri realmente gravosi. Certo va sottolineato che – come in qualsiasi altro sport! – se si inizia a gareggiare in competizioni a livello nazionale – come accadrà alla nostra squadra agonistica femminile –  le spese legate agli spostamenti diventano necessariamente più significative.

Quali sono gli aspetti del golf che maggiormente ti affascinano e che ritieni utili per misurarti con te stessa e gli altri?

Credo che il golf rispecchi pienamente la vita e la personalità di chi lo pratica: lungo il percorso delle 18 buche emergono inevitabilmente anche le più piccole sfumature del carattere di ogni golfista, chiamato a misurarsi ad ogni colpo con sé stesso.

Amo il golf proprio per questo, poiché è una continua sfida, con le proprie paure e i propri limiti, uno sport capace di farti crescere e maturare giorno dopo giorno, sfida dopo sfida. Negli ultimi tre anni credo di essere cresciuta tantissimo e – grazie al golf – ho compreso che nella vita non bisogna arrendersi mai, ma lottare e fare sacrifici necessari ad ottenere risultati per noi importanti. E lo dimostrerò ancora una volta nell’ambito della squadra agonistica femminile del Riviera.

Fai parte della squadra agonistica femminile del Riviera Golf. Quali sono gli aspetti del campo che ami maggiormente?

E’ un campo ricco di aspetti tecnici assai interessanti: le prime nove buche, disegnate dall’architetto Luigi Rota Caremoli, risultano molto “delicate” e capaci di seguire le caratteristiche naturali del territorio in cui sono inserite, mentre le seconde nove – opera del canadese Graham Cook – ricordano un links scozzese, spesso reso difficile dalla presenza del vento. Ed è proprio la commistione tra aree così differenti che fanno del percorso del Riviera un’ottima occasione di gioco.

Inoltre, credo che il Riviera possa vantare la Club House più bella d’Italia. Mi piace molto il clima che si respira, soprattutto da quando a gestire la struttura è giunto Michele Bosco, Golf Manager con una mentalità propensa all’agonismo, aspetto che condivido pienamente e che emergerà durante le competizioni che ci vedranno coinvolte come squadra agonistica femminile.

Cosa significa per te poter affermare di far parte della squadra agonistica del Riviera?

Devo ringraziare il nostro Golf Manager Michele Bosco ed altresì il nostro accompagnatore Massimiliano Tanfi, che hanno creduto nella possibilità di dar vita a questa squadra, mirabilmente seguita dal punto di vista tecnico dalla “Mauro Bianco Golf Academy”, davvero una academy fatta da grandi professionisti capaci di prepararci al meglio alle diverse sfide che incontreremo durante la stagione 2018.

Saranno infatti tantissime le gare che affronteremo, come ad esempio i campionati regionali in aprile e il Trofeo Pallavicino per squadre giovanili femminili, occasioni importanti per far emergere la squadra agonistica femminile del Riviera Golf.

La squadra agonistica femminile è per me una splendida opportunità per poter competere all’interno di numerose gare a squadre, ed altresì per poter portare sempre più in alto il nome del Riviera Golf, che ha creduto in me e cui devo molto.

Per me è sicuramente un grande orgoglio far parte di questa squadra e ne sono onorata, e sono felice di poter condividere questa mia passione con le mie compagne, Diletta e Isabella,
ragazze simpaticissime con le quali ho uno splendido rapporto e una grande intesa dal punto di vista umano e golfistico.

Daremo il massimo per ottenere i migliori risultati possibili e far sì che la squadra agonistica femminile del Riviera Golf venga promossa in A1, questo è certo. Il mio sogno è quello di diventare
una professionista, e sono certa che, impegnandomi al massimo, potrò farcela.

Anche quest’anno quindi le sfide saranno tante e siamo certi che le ragazze sapranno mettere in pratica gli insegnamenti dei professionisti della Mauro Bianco Golf Academy per…portare al cielo la bandiera del Riviera Golf!

 

Riviera Golf: dove lo sport è solo l’inizio.

giocatore di footgolf

Un fine settimana intenso quello vissuto al Riviera Golf dove sabato 22 luglio si è giocato il Secondo Torneo di Footgolf a favore dell’Airett – l’associazione che si occupa della sindrome di Rett – mentre domenica 23 è stata la volta della Martin Argenti Golf Challenge by Carlsberg Italia, terzo produttore nazionale di birra arrivato a comprendere ben 9 brands diversi.

Torneo di footgolf e cena benefica al Riviera.

torneo footgolf benefico

Sabato il Riviera ha visto la discesa sul green di tantissimi ex calciatori di serie A e di numerose personalità del mondo dello sport, decisi a sostenere la ricerca scientifica a favore delle “bimbe dagli occhi belli” affette dalla Rett, una rara e complessa sindrome neurologica degenerativa.

L’evento benefico – organizzato dalla Nazionale VipSport di Maurizio Scalvini, con la collaborazione della Footgolf&Legends (presieduta dall’ex calciatore di serie A Ivano Bonetti) e dalla Lega Nazionale Footgolf , è stato sponsorizzato da Villa Cenzina , il grande progetto immobiliare di residenze di lusso nato a Riccione – ha richiamato tantissimi partecipanti che si sono sfidati in una intensa gara di footgolf, sport nato nel 2009 ed ormai ampiamente affermato a livello mondiale.  Tanti i personaggi del mondo dello spettacolo che dopo la gara, hanno dato vita ad una serata caratterizzata da tanta musica e intrattenimento per il pubblico.

Torneo di footgolf, tutti i vincitori.

Nella competizione si sono distinti: al 1° posto Juri Tamburini con 59 colpi (-11), al 2° posto Ivano Bonetti con 61 colpi (-9), al 3° Leonardo Bruno con 63 colpi (-7).

Il primo lady va alla giocatrice Martina Quintarelli, mentre il “primo debuttante calciatore” è stato l’intramontabile Evaristo Beccalossi con 77 colpi.

Martin Argenti Golf Challenge by Carlsberg Italia

vincitori gara golf carlsberg

Domenica invece si è giocata la Martin Argenti Golf Challenge by Carlsberg Italia, gara 18 buche stableford (che ha visto la partecipazione di quasi cento golfisti) ove il 1° lordo e il 1° netto di ogni categoria hanno ottenuto l’accesso alla finale nazionale.

In prima categoria, vincenti tanti giocatori del Riviera Golf: il primo netto a Roland Ender con 35 punti (tedesco ma risiedente a Fano), secondo netto per il cattolichino Pierpaolo Saioni con 35 punti, mentre il primo lordo a Vincenzo Mancuso con 27 punti (di Montelabbate in provincia di Pesaro).

In seconda categoria vince la pesarese Albamaria Parmeggiani del Riviera con l’ottimo score di 43 punti, mentre al secondo posto si è distinto il sammarinese Orazio Della Valle con 37 punti.

Nella terza categoria ha prevalso un altro giocatore del Riviera, il bolognese Stefano Cassoli con 41 punti, seguito al secondo posto dalla giocatrice del Golf Club Casalunga Giovanna Dondi con 40 punti.

Premi speciali conquistati da due giocatori del Riviera Golf: prima lady alla pesarese Nicoletta Ricci e primo seniores al riccionese Andrea Calvi.

Prossimi appuntamenti al Riviera Golf.

 

Sabato 29 luglio  Pool Cup by Villa Cenzina, con premi ad estrazione tra tutti i partecipanti alla gara per un valore di 500 Euro. Domenica 30 luglio si disputerà la seconda tappa del Bretagna tour 2017.

Iscriviti subito alle gare per il prossimo week-end segreteria@rivieragolf.it

Ti aspettiamo!!!

riviera golf vincitori

Anche con il caldo torrido i nostri golfisti non si sono fermati e ci hanno regalato un intenso fine settimana di gare al Riviera Golf.

APART REVOLUTION TOUR

apart revolution tour riviera golf

Sabato 8 luglio si è svolto l’APART REVOLUTION TOUR che ha visto tanti partecipanti sfidarsi sul green e che ha decretato i partecipanti alla finale nazionale prevista in ottobre.

In prima categoria si sono distinti tre giocatori del Riviera: sul podio il mitico Giampiero Ticchi con 41 punti, secondo posto per il giovane giocatore Lorenzo Santinelli con lo score di 39 punti, mentre il primo lordo ad Artur Kryhan con 36 punti.

Nella seconda categoria si è imposto Giorgio Attala (del Riviera) con 44 punti, secondo posto per Marco Zanobi (del Mia Golf Club) con lo score di 41.

Infine per quanto concerne la terza categoria, gradino più alto per Nicola Chiavara del Sibilla Golf Club con 38 punti, secondo posto con un punto in meno per il giocatore del Montegiove Golf Club Daniele Valente.

Premi speciali:

Primo seniores a Roland Ender, mentre primo lady a Giorgia Piccini.

BRETAGNA TOUR

Domenica 9 luglio si è disputato il BRETAGNA TOUR, gara stableford tre categorie ricca ed avvincente.

riviera golf vincitori

La prima categoria è stata appannaggio dei giocatori del Riviera: sul podio si è imposto Guido Giunta con 41 punti, al secondo posto (39 punti) per Matteo Bernabè, primo lordo infine per Andrea Peri (34 punti).

Nella seconda categoria ha prevalso il golfista del Riviera Andrea Corsini con 40 punti, secondo posto ed un punto in meno per un altro giocatore del Riviera, Giampiero Succi.

Quanto alla terza categoria, sul podio è salito Enrico Bastianelli con 36 punti (del Riviera), secondo qualificato – con identico score ma avendo giocato meno brillantemente le seconde nove buche – Giorgio Paris (Virginia Golf Club).

Premi speciali:

Primo seniores al giocatore del Riviera Alberto Bianchi (38 punti), primo lady alla giocatrice del Monferrato Golf Club Raffaella Casalino (34 punti).

Prossimi appuntamenti previsti al Riviera:

Sabato 15 luglio con Luisiana luxury by Cristian Events Road to Austria (gara a coppie), mentre domenica 16 si giocherà la Riviera Golf pool Cup (gara stableford tre categorie).

Non mancare! Isciviti ora alle prossime gare CLICCA QUI

Contatti: segreteria@rivieragolf.it | 0541 955009

gara golf mercedes

Di nuovo un fine settimana intenso al Riviera Golf dove domenica 25 giugno si è disputata la DREAMCARS MERCEDES BENZ sponsorizzata dal gruppo Di.Ba, importante realtà del nostro territorio: nato nel 1976, è ormai divenuto una delle realtà italiane più forti nell’ambito dei motori, offrendo servizi assai diversificati (dalla rivendita di ben 14 brand automobilistici, ai servizi finanziari ed assicurativi).

Il caldo torrido non ha scoraggiato i 110 giocatori che si sono affrontati in una splendida e intensa giornata di golf.

La gara prevedeva formula stableford a tre categorie.

vincitori gara mercedes al riviera

Nella prima categoria al terzo posto è salito il giocatore del Riviera Stefano Palmieri, al secondo posto il sammarinese Roberto Bianchi, mentre nel primo netto si è distinto Alessandro Chionna, giocatore del Golf Club Bologna ma assiduo frequentatore del Riviera.

Nella seconda categoria, il podio è stato interamente conquistato da golfisti provenienti dal Riviera: al terzo posto Mirco Ottaviani, al secondo Orietta Barocci, mentre sul gradino più alto è salito Marzio Raspugli.

Per quanto concerne la terza categoria, terza posizione raggiunta dal marchigiano Ferruccio Pigliapoco, mentre i gradini più alti se li aggiudicano due giocatori del Riviera, Enrico Bastianelli al secondo mentre al primo posto Raffaele Guidi.

Premi speciali: primo lordo conquistato dal giocatore del Riviera Cristian Currenti, il primo lady da Antonella Balzi (Riviera), mentre il primo seniores va a Marco Panzini (del Village Golf Club).

The big dog golf cup 2017, in campo con gli amici a quattro zampe.

golf dog friendly

Sabato 24 appuntamento particolare con una giornata dedicata al compagno per antonomasia, il cane: il Riviera Golf ha infatti ancora una volta saputo mostrare la capacità inclusiva del golf, con una gara 9 buche in cui ogni giocatore era accompagnato dal proprio compagno a quattro zampe.

Al Bistrot Buca 19 l’istruttore Riccardo Ariù insieme al suo border collie “Baby” ha regalato una bella dimostrazione di agility, di obedience e di conduzione con le oche. Alberto Bianchi ha mostrato come realizzare una toilettatura a prova di concorso. Il veterinario Gianfranco Manfroni ha dato preziosi consigli sulla salute del cane.

Prossimi appuntamenti al Riviera Golf

Prossimi appuntamenti previsti per sabato 1 luglio con la Jack Daniel’s Cup 2017, mentre domenica 2 si disputerà la All Inclusive Golf Challenge by Engel & Völkers Riccione.

Per info segreteria@rivieragolf.it e per iscrizioni gara e tee time CLICCA QUI

Audi quattro Cup by Reggini

GARA AUDI RIVIERA GOLF

Anche lo scorso weekend il Riviera Golf è stato palcoscenico di due importanti competizioni: sabato 17 giugno si è svolta la gara a coppie Audi quattro Cup by Reggini con formula greensome, mentre domenica 18 si è giocata la competizione e tre categorie Golf and Food Cup by Centro della Ceramica.

Per quanto concerne la prima gara, sul campo si sono sfidati 130 giocatori per aggiudicarsi la finale nazionale a Torino.

I primi classificati della categoria “Possessore Audi” sono stati Cerolini-Donadio con 40 punti. Nella categoria unica al terzo posto si sono classificati Lazzari e Mazza con 41 punti stableford, al secondo posto i fratelli Battocchi con 43 punti, mentre si aggiudicano la finale nazionale con il primo lordo la coppia Tadini-Frascaroli con lo score di 33. Primo netto per Orazi-Boinega con l’ottimo score di 45 punti stableford.

Golf and food by Centro della Ceramica

sponsor riviera golf centro della ceramica

Nella giornata di domenica a sfidarsi sono stati circa 70 giocatori che hanno disputato un’avvincente gara conclusasi con l’assegnazione di premi speciali offerti dal Centro della Ceramica. A prevalere tra i vincitori una nutrita rappresentanza di giocatori del Riviera Golf Club: primo lady per Orietta Barocci, primo juniores per Diego Emanuele Danzi, primo seniores per Marzio Raspugli.

La terza categoria è stata vinta da Alessandro Paolini, mentre sul secondo gradino è salito Francesco Mazzotti.

Nella seconda categoria ha prevalso Daniele Longhini, secondo posto per Pierluigi Cattani, mentre nella prima categoria si sono distinti nel primo lordo Matteo Bernabè, nel primo netto Enrico Bernabè e al secondo posto Guido Giunta.

Prossimo importante appuntamento al Riviera previsto per

DOMENICA 25 GIUGNO

con la gara DreamCars Mercedes Benz by Di.ba Group.

Iscriviti alla gara e prenota il tee time CLICCA QUI

 

airdp golf cup

Nel ponte del 1 maggio si è svolto presso il Riviera Golf il grande evento golfistico AIRDP STYLE, famoso brand che ha saputo dar vita ad una collezione di accessori tecnologicamente innovativi e dal design ricercato: nata dall’idea del noto imprenditore Lele Danzi e del fuoriclasse Alessandro Del Piero, che ha anche prestato il proprio volto alle diverse campagne pubblicitarie, la AIRDP STYLE si è affermata nella creazione di oggettistica in grado di coniugare sport, funzionalità e ricerca del gusto estetico.

La competizione si è svolta su due giornate e prevedeva solo premi di giornata e non cumulativi.

Il primo giorno si è svolta la gara individuale: I categoria medal, II e III stableford. Nella seconda giornata invece si è giocato con formula a coppie: 4 palle la migliore.

Nella prima giornata di gara individuale, ha prevalso nella I categoria netta con 68 colpi Emanuele Vannucci mentre al II posto con 70 colpi netti Federico Pelliccioni (entrambi associati al ASD Asset Golf di S. Marino).

Nella classifica lorda si è distinto con lo score di 75 colpi Cristino Giorgetti, giocatore del Riviera Golf.

Nella II categoria, giocata con formula stableford, al primo posto con l’ottimo score di 42 punti ha prevalso Maurizio Grandicelli del Golf Club Argenta. Al secondo posto si è invece classificato il giovane giocatore del Rimini-Verucchio Golf Club Lapo Nicola D’Amato con 39 punti.

In III categoria ha raggiunto il gradino più alto la giocatrice dell’Adriatic Golf Club Cervia Giulia Graziani con il punteggio di 39 punti. Al secondo posto con lo stesso punteggio – avendo però giocato meno brillantemente le seconde 9 buche – il giocatore del Riviera Golf Club Davide Sabbatani.

Per quanto concerne i premi speciali I Lady per Nicoletta Michelini, I senior per Marco Baldoni, mentre fra i giovanissimi del premio junior si è distinto il giovane talento Francesco Currenti.

Per tutti i vincitori premi AirDP Style.

bmw golf international

BMW Golf Cup International, una competizione avvincente tra più di 100 golfisti.

Una competizione avvincente quella che si è svolta domenica 11 giugno presso il Riviera Golf: 160 giocatori si sono sfidati nell’ambito della BMW Golf Cup International, uno degli appuntamenti più rilevanti all’interno della stagione.

Sponsor della gara è stato il Gruppo Di.ba, nato nel 1976 e presente sul territorio nazionale con attività assai diversificate (dalla rivendita di ben 14 brand automobilistici, ai servizi finanziari ed assicurativi), che negli anni ha eccezionalmente esteso la propria area di influenza, divenendo una delle realtà italiane più forti nell’ambito dei motori. Il presidente Paolo Baronciani – al termine della gara – ha offerto un magnifico rinfresco seguito dalla premiazione dei vincitori.

BMW GOLF CUP RIVIERA

BMW Golf Cup International , tutti i vincitori.

La gara ha fatto emergere i nomi dei giocatori che – presso il Donnafugata Golf Resort (Ragusa) ove avrà luogo la finale nazionale – si contenderanno la possibilità di sfidarsi in occasione della finale mondiale.

Nella seconda categoria sono saliti sul podio tre giocatori che hanno ottenuto lo stesso punteggio, posizionandosi però diversamente in classifica in quanto hanno affrontato in modo più o meno brillante le seconde nove buche: al primo posto si è distinto Guido Pianosi (Riviera Golf), seguito da un altro giocatore del Riviera, Pierpaolo Migani, mentre sul terzo gradino è salito il marchigiano Paolo Cardoni (Village Golf Club).

Per quanto concerne la prima categoria, con lo score di 37 punti è emerso Francesco Boattini (Riviera), mentre al secondo posto si è piazzato con lo stesso punteggio Roberto Giovannini (Golf San Marino); terza posizione per Gianmarco Alberti (del Riviera) con 36 punti.

BMW GOLF CUP INTERNATIONAL VINCITORI

Nella categoria unica femminile il risultato più brillante è stato raggiunto da una giocatrice del Riviera, Nicoletta Ricci (39 punti), seguita da Antonella Balzi (Riviera) e da Elena Ferroni.

Nella classifica lorda maschile si è distinto Marco Galassi, mentre nella femminile ha prevalso Orietta Barocci, giocatrice del Riviera.

La classifica “Possessori BMW” ha visto il primo posto per Marzio Raspugli (Riviera), seguito in seconda posizione da Riccardo Rusticali (Cervia Golf Club).

Il Primo senior è stato vinto da Orazio Pensalfini (Riviera).

Nearest to the pin a Mario Barbatelli con palla a 1.59 metri dalla buca.

BMW GOLF CUO INTERNATIONAL RIVIERA

Prestissimo una nuova avvincente competizione al Riviera Golf: sabato 17 giugno prevista infatti la audi 4 cup (con formula greensome). Di sicuro una nuova magnifica giornata qui al Riviera.

ISCRIVITI SUBITO segreteria@rivieragolf.it | 0541 955099 | ISCRIVITI QUI